Ricerca sul nostro sito

Art. 63. Poteri ispettivi del CNF

 

1. Il CNF può richiedere ai consigli distrettuali di disciplina

notizie relative all’attività disciplinare svolta;

può inoltre nominare, scegliendoli tra gli avvocati iscritti

nell’albo speciale per il patrocinio davanti alle magistrature

superiori, ispettori per il controllo del regolare funzionamento

dei consigli distrettuali di disciplina quanto

all’esercizio delle loro funzioni in materia disciplinare.

Gli ispettori possono esaminare tutti gli atti, compresi

quelli riguardanti i procedimenti archiviati. Gli ispettori

redigono e inviano al CNF la relazione di quanto riscontrato,

formulando osservazioni e proposte. Il CNF può

disporre la decadenza dei componenti dei consigli distrettuali

di disciplina. Al componente decaduto subentra il

primo dei non eletti.

 

2. Analoghi poteri ispettivi possono essere esercitati

per quanto riguarda i procedimenti in corso presso i consigli

dell’ordine di appartenenza per la previsione transitoria

di cui all’articolo 49.